Vai al contenuto principale
Oggetto:
Oggetto:

Archeologia tardoantica e altomedievale

Oggetto:

Late Antique and Early Middle Ages Archaeology

Oggetto:

Anno accademico 2020/2021

Codice attività didattica
STS0105
Docente
Paolo De Vingo (Titolare del corso)
Corso di studio
laurea triennale in Beni culturali
Anno
1° anno, 2° anno
Periodo
Primo semestre
Tipologia
Caratterizzante
Crediti/Valenza
6
SSD attività didattica
L-ANT/08 - archeologia cristiana e medievale
Erogazione
Tradizionale
Lingua
Italiano
Frequenza
Facoltativa
Tipologia esame
Orale
Prerequisiti
Nessuno
Oggetto:

Sommario del corso

Oggetto:

Obiettivi formativi

Il modulo si propone di fornire una conoscenza approfondita di quella lunga fase storica compresa fra tardoantico (III-VI secolo) e altomedioevo (VI-XI secolo), un periodo che continua a suscitare interrogativi e fascino, soprattutto per osservatori che, come noi, si trovano a vivere in un periodo di grande cambiamento economico, sociale e persino antropologico e filosofico. Le risposte che gli uomini e le donne di allora diedero alle diverse 'crisi', categoria a sua volta da decostruire attraverso un'analisi che ne analizzi le singole componenti, furono diversificate ma tutte unite dalla volontà di reagire rispetto ad uno status quo che, per ragioni in primis politiche, aveva determinato in molti casi un peggioramento delle condizioni materiali di vita nella Pars Occidentis imperiale. Attraverso l'analisi di alcuni luoghi e momenti 'da manuale', in quanto sintesi delle tendenze storiche dominanti, delle eccezioni ad esse e delle contraddizioni generate dalla dialettica fra fenomeni regressivi e fenomeni progressivi, riusciremo a sviluppare un quadro non convenzionale, seppur basilare e generalista, al fine di poter successivamente impostare quello studio sistematico, fondato sulla necessità di incrociare fonti storiche, archeologiche, numismatiche, epigrafiche, unite alla topografia, alla geografia ed allo studio di climi e ambiente, che solo potrà permetterci, di ottenere una sintesi collettiva di una ricerca multidisciplinare per disporre di un quadro complessivo. Altrettanto importante è garantire la continuità di una tradizione culturale che, per quanto riguarda nello specifico questa tipologia di studi a Torino, è pluridecennale. Sulla base di queste due osservazioni, quando il percorso formativo sarà completato (dopo il superamento della prova orale), sarà quindi possibile per gli studenti accedere sia alla ricerca storica-archeologica, sia a tutte quelle attività professionali che comprendono competenze specifiche (scavi, mostre e consulenze di ambito storico-archeologico).

The module aims to provide an in-depth knowledge of that long historical phase between the late antiquity (III-VI century) and the early medieval (VI-XI century) which continues to arouse questions and charm, especially for observers who, like us, they find themselves living in a period of great economic, social and even anthropological and philosophical change. The answers that the men and women of the time gave to the different 'crises', a category in turn to be deconstructed through an analysis that analyzes their individual components, were diversified but all united by the desire to react with respect to a status quo which, for primarily political reasons, it had in many cases led to a worsening of the material conditions of life in the imperial Pars Occidentis. Through the analysis of some 'textbook' places and moments, as a synthesis of the dominant historical trends, the exceptions to them and the contradictions generated by the dialectic between regressive and progressive phenomena, we will be able to develop an unconventional, albeit basic and generalist, in order to be able to subsequently set up that systematic study, based on the need to cross historical, archaeological, numismatic, epigraphic sources, combined with topography, geography and the study of climates and environment, which only will allow us to obtain a collective synthesis of a multidisciplinary research to have an overall picture. It is just as important to guarantee the continuity of a cultural tradition that, for what concerns this type of studies in Turin, is decades-old. Based on these two observations, and after completing the training course (and passing an oral examination), students will be able to take part in historical-archaeology research and in all those professional activities that require specific skills (excavations, exhibitions and historical-archaeological consultancy).

Oggetto:

Risultati dell'apprendimento attesi

Al termine del modulo, e previo il superamento della prova orale, gli studenti avranno aumentato le loro conoscenze sulle tematiche aggiornate di questo settore specifico di studio (Archeologia tardoantica-altomedievale), con un significativo approfondimento delle dinamiche storiche medievali e la conoscenza dei singoli materiali provenienti dagli scavi archeologici, avranno migliorato non solo la capacità di usare altri strumenti di conoscenza delle scienze umane ma saranno anche capaci di relazionarsi con altri specialisti di discipline diverse ma complementari a questo ambito culturale (numismatica, topografia, geografia, climatologia ambientale). Tutti gli studenti saranno, inoltre,  in grado di partecipare ad indagini archeologiche professionali, applicando in modo corretto le tecniche di scavo acquisite nel corso della partecipazione a scavi didattici nei quali saranno messi in contatto con la materialità del 'mestiere d'archeologo', la quale a nulla varrebbe senza la 'immaterialità' della coscienza e conoscenza dei contesti ambientali, geografici, storici, economici, sociali ed antropologici mediante i quali le storie locali si inseriscono nel grande flusso della 'grande storia'.

At the end of the module, and after passing the oral test, the students will have increased their knowledge on the updated topics of this specific field of study (Late Ancient-Early Medieval Archeology), with a significant study of medieval historical dynamics and knowledge of individual materials coming from the archaeological excavations, they will have improved not only the ability to use other tools of knowledge of the human sciences but they will also be able to relate to other specialists of different disciplines but complementary to this cultural sphere (numismatics, topography, geography, environmental climatology). All students will also be able to participate in professional archaeological investigations, correctly applying the excavation techniques acquired during participation in educational excavations in which they will be put in contact with the materiality of the 'archaeologist profession', the which would be worth nothing without the 'immateriality' of awareness and knowledge of the environmental, geographical, historical, economic, social and anthropological contexts through which local stories fit into the great flow of 'great history'.

Oggetto:

Programma

Con questo itinerario didattico si desidera indirizzare e aiutare gli studenti a comprendere la complessità degli eventi che, a partire dal III secolo, mutano quello che era conosciuto come 'il mondo classico'. Analizzare il III secolo, dalla guerra civile successiva alla fine della dinastia dei Severi sino alla stabilizzazione dioclezianea, solo attraverso la categoria di 'crisi' rischia di essere fuorviante, nonostante le grandissime differenze fra le diverse aree imperiali, tanto che in alcune di queste, come il settore nordafricano o il Mediterraneo Orientale, questa  fase, non rappresenta un momento di decadenza, ma vede lo sviluppo di città e di villaggi inseriti nelle grandi reti della produzione e dei commerci mediterranei. Per questo la comprensione delle variabili interne alla macrocategoria di 'impero', le peculiarità locali e le interazioni fra territori e contesti differenti potranno offrire una visione che superi quello che si pone come un vero e proprio stereotipo. Anche il secolo successivo sarà analizzato con la medesima lente, al fine di cogliere la pluralità degli eventi, a partire da quel processo di cristianizzazione che, con Costantino vedrà la sviluppo iniziale di quello che sarà il percorso parallelo delle aree orientali destinate a sopravvivere per un millennio, laddove, col V secolo, il settore occidentale inizierà ad intraprendere quel cammino che, mediante l'incontro-scontro con le popolazioni germaniche, porterà alla 'caduta senza rumore' del 476 ed alla nascita dei 'regni romano-barbarici' ed alla guerra greco-gotica (535-553). Gli studenti esamineranno così i secoli tardoantichi e altomedievali iniziando con gli anni del periodo definito come 'anarchia militare' sino alla stabilizzazione dioclezianea (235-285) e alla cristianizzazione delle aree occidentali, passando alla definitiva divisione imperiale nel 395 ed alla caduta della pars occidentis (285-476), esaminando il breve periodo ma ricchissimo di eventi e trasformazioni compreso tra la formazione dei regni romano-barbarici e la fine della guerra greco-gotica (476-553) fino alla formazione del Regnum Langobardorum, arrivare alla conquista franca (568-774 e ai secoli carolingi (774-887) e concludendo con quelli postcarolingi (887-1000).

With this didactic itinerary we want to direct and help students understand the complexity of the events that, starting from the third century, change what was known as 'the classical world'. Analyzing the third century, from the civil war following the end of the Severan dynasty to the diocletian stabilization, only through the category of 'crisis' is likely to be misleading, despite the huge differences between the different imperial areas, so much so that in some of these, like the North African sector or the Eastern Mediterranean, this phase does not represent a moment of decline, but sees the development of cities and villages inserted in the large networks of Mediterranean production and trade. For this reason, the understanding of the internal variables of the 'empire' macro-category, the local peculiarities and the interactions between different territories and contexts will offer a vision that goes beyond what stands as a real stereotype. The following century will also be analyzed with the same lens, in order to capture the plurality of events, starting from that process of Christianization which, with Constantine, will see the initial development of what will be the parallel path of the eastern areas destined to survive for a millennium, where, with the fifth century, the western sector will begin to embark on that path which, through the encounter-clash with the Germanic peoples, will lead to the 'noise-free fall' of 476 and the birth of the 'Roman-Barbarian kingdoms' and to the Greek-Gothic war (535-553). Students will thus examine the late antiquity and the early Middle Ages starting with the years of the period defined as 'military anarchy' until the diocletian stabilization (235-285) and the Christianization of the western areas, passing to the definitive imperial division in 395 and the fall of the pars occidentis (285-476), examining the short but very rich period of events and transformations between the formation of the Roman-Barbarian kingdoms and the end of the Greek-Gothic war (476-553) up to the formation of the Regnum Langobardorum, arrive at the Frankish conquest ( 568-774 and the Carolingian centuries (774-887) and ending with the post-Carolingian ones (887-1000).

Oggetto:

Modalità di insegnamento

Lezioni della durata di tre ore ciascuna per un totale complessivo di 36 ore (6 CFU) svolte in aula con proiezioni multimediali. Sono previste lezioni al Museo Archeologico di Antichità di Torino e seminari tematici di approfondimento dei singoli argomenti presentati nel modulo.

Classroom lessons (three hours each) for a total of 36 hours (6 CFU – Italian university credits) with use of a multimedia projector. There will also be lessons at the Turin Archaeological Museum of Antiquities and theme-based seminars on the individual subjects presented in the module.

Oggetto:

Modalità di verifica dell'apprendimento

Conoscenze e capacità acquisite saranno accertate mediante una verifica orale con domande che potranno utilizzare planimetrie e immagini. La preparazione sarà considerata adeguata (con votazione espressa in trentesimi) se lo studente dimostrerà di esporre in modo corretto, usando una terminologia adeguata, gli argomenti presentati sui testi e discussi nelle singole lezioni frontali riconoscendo inquadramento generale, rapporti e collegamenti di complementarietà e se infine sarà in grado collocarli nel giusto periodo storico.

The acquired knowledge and skills will be verified by means of an oral examination with questions that may include the use of plans and images. The preparation will be considered adequate (with marks based out of a total of thirty points) if students are able to correctly illustrate, using adequate terminology, the subjects presented in the texts and discussed during the individual classroom lessons, identifying the overall framework, relationships and complementary interconnections and placing them in the correct historical period.

Oggetto:

Attività di supporto

Oltre allo svolgimento di seminari tematici focalizzati sui principali argomenti affrontati nel corso delle singole lezioni frontali sono previste sia attività di supporto relative alla lettura della documentazione delle concessioni di scavo in capo al Dipartimento (giornale di scavo, schede di Unità Stratigrafica, planimetrie e sezioni di scavo), sia incontri seminariali relativi alle principali applicazioni informatiche utilizzabili in ambito archeologico. Sono inoltre garantite esercitazioni territoriali con gli strumenti di rilievo informatizzato, in uso alla cattedra di Archeologia Cristiana e Medievale, affinchè gli studenti possano acquisire familiarità con le moderne tecnologie di lavoro sul campo e conseguentemente sviluppare basi teoriche ma altrettanto importanti nozioni di effettivo svolgimento di attività pratiche coniugando quindi in modo efficace teoria e pratica.

Oggetto:

Testi consigliati e bibliografia

Testi fondamentali

– A. Augenti, Archeologia dell'Italia medievale, Roma-Bari, 2016 (da p. 27 a p. 68, da p. 82 a p. 157, da p. 185 a p. 199, da p. 200 a p. 223, da p. 224 a p. 272).

– G.P. Brogiolo, A. Chavarría Arnau, Archeologia postclassica. Temi, strumenti, prospettive, Roma, 2020.

Articoli preparatori al modulo

– G. Traina, Fratture e persistenze dell’ecumene romana, in G. Traina (a cura di), Storia d’Europa e del Mediterraneo. Il mondo antico, a cura di, Roma, 2010, pp. 13-38.

– F. Marazzi, Città, territorio ed economia nella tarda antichità, in G. Traina (a cura di), Storia d’Europa e del Mediterraneo. Il mondo antico, Roma, 2010, pp. 651-696.

– C. Wickham, Fonti archeologiche e fonti storiche: un dialogo complesso, in A. Barbero (a cura di), Storia d’Europa e del Mediterraneo, Dal Medioevo all’età della globalizzazione, Roma, 2010, pp. 15-50.

– M. Mc Cormick, Le origini dell’economia europea. Comunicazioni e commercio. 300-900, Bologna, 2008, pp. 33-49.

Testi preparatori al modulo

– G. Arnaldi, F. Marazzi, Tarda Antichità e Alto Medioevo in Italia, Roma, 2017.

– S. Gasparri, Italia Longobarda. Il regno, i Franchi, il papato, Roma-Bari, 2012.

–  E. James, I Barbari, Bologna, 2011.

– G.P. Brogiolo, Le origini della città medievale, PCA Studies 1, Mantova, 2013.

– G.P. Brogiolo, A. Chavarría Arnau, Aristocrazie e campagne nell’Occidente da Costantino a Carlo Magno, Firenze, 2005.

Nucleo del Modulo

– M.M. Maddalena Negro Ponzi, P. de Vingo, G.B. Parodi, Le indagini archeologiche nell'insediamento romano e tardoantico di Montessoro (Isola del Cantone, GE): campagne 2009-2011, in Archeologia Medievale, XXXIX, 12, Firenze, 2012, pp. 149-174.

– P. de Vingo, Le trasformazioni insediative urbane nella Liguria Maritima tra il V ed il VII secolo sulla base delle fonti scritte e delle fonti archeologiche, in Ai confini dell'Impero. Insediamenti e fortificazioni bizantine nel Mediterraneo occidentale (VI-VII secolo), Bordighera, 2011, pp. 323-407.

– P. de Vingo, Production and importation of Late Antique and Early Medieval pottery in Liguria, in J. Drauschke, R. Prien, A. Reis (a cura di), Küche und Keller in Antike und Frühmittelalter 7, Hamburg, 2014, pp. 257-304.

– P. de Vingo, Conquista, stabilizzazione e costruzione del potere in Emilia Romagna attraverso la necropoli longobarda di Spilamberto, in P. de Vingo, P. Cremonini (a cura di), Bizantini e Longobardi nelle aree emiliane. Culture e territori in una secolare tradizione, Alessandria, 2020, pp. 177-220.

B. Ward Perkins, The fall of Rome and the End of Civilization, Oxford 2005.

P. Heather, The Fall of the Roman Empire. A New History of Rome and the Barbarians, Oxford, 2006.

G. Halsall, Barbarian Migration and the Roman West, Cambridge, 2007.

P. Heather, Empires and Barbarians, London, 2009.

A. Bowman, A. Wilson, The Roman Agricultural Economy, Oxford, 2013.

Oggetto:

Note

Le modalità di svolgimento delle attività didattiche potranno subire variazioni in base alle limitazioni imposte dalla crisi sanitaria in corso. In ogni caso è assicurata la modalità a distanza per tutto l'anno accademico. Il docente inserirà tutto il materiale didattico previsto per lo studio e la preparazione della verifica finale sulla piattaforma digitale di UniTO Moodle. Tutto il modulo verrà esclusivamente erogato in diretta streaming (https://unito.webex.com/meet/paolo.devingo) esclusivamente da remoto e la lezione sarà registrata e condivisa con le/i sole/i iscritte/i al modulo nella piattaforma Moodle. Qualora l'attività in sede sia realizzabile saranno calendarizzati momenti di interazione in presenza (collegiali, a piccoli gruppi o individuali). È previsto lo svolgimento di attività professionalizzanti che comprendono ricerche di superficie organizzate secondo le più moderne metodiche di programmazione, partecipazione controllata a scavi archeologici (tecnica di scavo, rilievo archeologico informatizzato e digitale), riprese fotografiche, laboratorio di schedatura di materiale archeologico (lavaggio, siglatura, prima inventariazione e disegno), restauri ed allestimenti espositivi, costituzione di reti e banche dati. In collaborazione con gli uffici periferici del Ministero per i Beni Ambientali, Culturali e il Turismo è prevista la partecipazione a stages formativi sui materiali provenienti dagli scavi ministeriali. Verranno segnalate infine, in base agli interessi dei singoli studenti, Università europee dove sia possibile svolgere programmi ERASMUS con moduli didattici nei quali vengano insegnati programmi di apprendimento analoghi.

 

The methods of carrying out the teaching activities may vary according to the limitations imposed by the current health crisis. In any case, the remote mode is guaranteed for the entire academic year. The teacher will insert all the didactic material foreseen for the study and the preparation of the final verification on the digital platform of UniTo Moodle. Professional activities are planned which include surface research organized according to the most modern programming methods, controlled participation in archaeological excavations (excavation technique, computerized and digital archaeological survey), photographic shooting, cataloging laboratory of archaeological material (washing, initialing, initial inventory and drawing), restoration and exhibition design, creation of networks and databases. In collaboration with the peripheral offices of the Ministry for the Environmental, Cultural and Tourism Heritage, participation in training stages on materials from ministerial excavations is envisaged. Finally, according to the interests of individual students, European universities will be reported where it is possible to carry out ERASMUS programs with didactic modules in which similar learning programs are taught.

 

Oggetto:

Corsi che mutuano questo insegnamento

Registrazione
  • Aperta
    Apertura registrazione
    01/09/2020 alle ore 00:00
    Oggetto:
    Ultimo aggiornamento: 23/10/2020 17:28
    Location: https://beniculturali.campusnet.unito.it/robots.html
    Non cliccare qui!